Dal lancio su Windows 10 tre anni fa, Microsoft Edge ha sempre faticato a farsi spazio contro i rivali Google Chrome e Mozilla Firefox. A differenza dei suoi concorrenti che ricevono aggiornamenti importanti quasi mensilmente, Microsoft Edge acquisisce nuove funzionalità ogni sei mesi, seguendo il ritmo delle versioni biennali di Windows 10.

L’azienda di Redmond non riesce a fornire al browser aggiornamenti con la stessa velocità che hanno i concorrenti, ma ha sempre puntato sul vantaggio di avere un’autonomia maggiore rispetto agli altri su Windows 10. Microsoft lo ha sempre sottolineato, prendendolo come punto di forza negli ultimi anni, ma nell’ultimo aggiornamento non è stato menzionato nulla a riguardo. 

Sul lungo post che elencava i numerosi miglioramenti apportati nell’ultima versione di Windows targata Ottobre 2018 c’erano molti dettagli riguardanti gli strumenti di apprendimento, miglioramenti PDF, aggiornamenti di Platform e Enterprise Management e altro per Microsoft Edge, ma nulla che facesse vantare dei miglioramenti nell’utilizzo della batteriaRisulta comunque che la società abbia svolto i soliti test di autonomia con i tre browser e i risultati sono stati pubblicati su GitHub, lasciando passare la notizia in secondo piano.

La faccenda è curiosa: i test parlano chiaro, Microsoft Edge è ancora il migliore per quanto riguarda l’autonomia su Windows 10. La società ha effettuato un test di streaming video utilizzando dei Surface Book identici collegati a Wifi e con l’aggiornamento dell’ottobre 2018. Alla fine, il Surface Book con in streaming il video su Edge è durato circa 16 ore, il 24% in più rispetto a Chrome (quasi 13 ore) e il 94% in più rispetto a Firefox (8 ore e 16).

Non è chiaro il motivo per cui Microsoft non abbia comunicato di più su questo ultimo confronto di efficienza dei browser; probabilmente perché i tempi non erano ideali. Infatti, all’inizio di questo mese, Microsoft ha annunciato che sta lavorando a una versione di Microsoft Edge basata su Chromium che verrà lanciata in anteprima l’anno prossimo. Poiché anche Google Chrome è basato su Chromium, questo nuovo browser Edge avrà probabilmente una durata della batteria peggiore rispetto all’attuale versione di Edge, che utilizza come motore del browser EdgeHTML di Microsoft.

Questo potrebbe essere il prezzo da pagare per avere un browser che ha meno problemi di compatibilità e una selezione molto più ampia di estensioni, sperando che l’aggiornamento porti effettivi miglioramenti e che uno dei pochi vantaggi di Microsoft Edge non venga superato dai rivali, costringendo la società di Redmond a lasciare nel dimenticatoio il browser proprietario.