Microsoft intende separare Cortana dalla ricerca di Windows e integrarla nel Centro Notifiche di Windows 10, che contestualmente dovrebbe essere riprogettato e battezzato con un nuovo nome. Questo è ciò che rivelano le fonti interne di Windows Central, quantomeno.

In breve: Cortana andrebbe a integrarsi nel Centro Notifiche, slegandosi da Windows Search e tornando a renderlo un servizio indipendente. Il Centro Notifiche, intanto, perderebbe le azioni rapide, riposizionate in un elemento dell’UI a sé stante.

Questa scelta dovrebbe portare a un nuovo nome per il Centro Notifiche – fondamentale per lo meno nelle edizioni inglesi di Windows, dato che si chiama Action Center; con queste modifiche, non ci sarebbe più alcun tipo di azione da compiere. Paradossalmente, la traduzione letterale del nostro Centro Notifiche sarebbe più calzante, mentre il nome del menu dedicato alle azioni rapide potrebbe essere Control Center.

Le novità per Cortana non si limiteranno al solo “trasloco”. Microsoft sta sviluppando anche un’interfaccia a chat, stile Google Assistant, sempre raggiungibile dallo stesso Centro Notifiche. Naturalmente saranno sempre disponibili le interazioni vocali regolate da “Hey Cortana”, ma l’interfaccia chat richiederà un rinnovamento grafico dell’attuale Centro Notifiche.

Questa trasformazione di Cortana è, in un certo senso, già in atto. Alcune avvisaglie si sono viste con le prime build di Windows 10 “Redstone 4” nel canale Insider. Invece che nel suo pannello dedicato nella taskbar, tutti i contenuti proattivi sono visibili nel Centro Notifiche. A livello ufficioso, indiscrezioni in questa direzione erano emerse già in passato, ma mai così dettagliate.

I piani attuali di Microsoft prevedono un completamento entro “Redstone 5”, vale a dire indicativamente verso l’autunno del 2018. Naturalmente, come tutte le cose non annunciate, sono suscettibili di modifiche e cambiamenti.